rnd17.jpg
Home
Where we are
Presenting Ourselves
Organic Oil
Olive Trees Park
To Order
The Houses
The Beaches
Vacation Ideas
Excursions
Caverns and Canyons
Folk
Ecology
Wwoofers
Contact us
Poetry/Novels
Abissi
Notti di Pizzica
Quaranta Notti
La Soglia
I Cavalieri di Groen
Notte a Teatro
Un uomo di successo
Il Cerchio Magico
Vento del Nord I.E.
Vento del Nord
Metropolis I.E.
Metropolis
Mediterranea I.E.
Mediterranea
La città bianca I.E.
La città bianca
Una pallida notte
Il sogno d'alabastro
Gli amori verdi
 
 


Organic Agriculture

 
 
 
 

Abissi



Image

Author: GIANMARIA FERRANTE
Publisher: Golden Press
Availability: IMMEDIATE
Pages: 140
ISBN: 978-88-99042-65-3
Price: € 15,00
DESCRIPTION

I segmenti, in sé compiutamente narrativi, che compongono questa sorta di partitura lirica, orfica e perfettamente tragica, negano nel loro complesso la linearità narrativa, rifuggendone anzi come per precipua e coerente necessità dell'assunto tematico di base. L'architettura della presente opera di Ferrante, "Abissi", poggia su solide ed efficaci fondamenta da rappresentazione iperrealista, in cui l'atmosfera di solennità grottesca, specifica cifra espressiva dell'autore, sorregge e legittima la sontuosa sequenza di simbologie che di volta in volta compaiono, prendono forma, agiscono, mutano fino a confondersi in un lavorìo metamorfico di attenta e precisa valutazione e costruzione. Già la minaccia espressa nei primi tre incipit prepara il lettore-spettatore alla qualità delle immagini da orrida visione a cui va incontro, con riferimenti all'assolutezza storica delle armi, all'uomo visto come inane involucro, burattinesco e squallido, della propria nullità e all'agonia protratta e lenta della civiltà da lui stesso messa in piedi e alla quale assiste in modo stolido, dimostrando risibile ingenuità. Le tre sezioni in cui è articolata l'opera (che definire lirica sembrerebbe, oltre che riduttivo, decisamente inappropriato, data la struttura intrinsecamente epica, benché di un epos rovesciato, ovvero in negativo quanto a miti e valori) suggeriscono la finzione dei tre atti di una tragedia in cui il tutto ci si disvela. Finzione, appunto. Rappresentazione teatrale, finta anch'essa, per una "mandria" ottusa di spettatori, inutile precisarlo, finti, che cercano assurdamente verità sbirciando quasi in segreto, forse per non confessare a se stessi di essere parte integrante dell'intera finzione. L'inizio è lento, studiato, si percepiscono anche i suoni rimbombanti in modo avvolgente per introdurre alla visione sotterranea, infernale, sepolcrale, viscerale che l'ipotetico spettacolo, sul cui filo immaginario si snoda il tutto, intende trasmettere. I personaggi degli "Incontri" si susseguono con comparse continue, in fila, come in una danza macabra, e la poesia qui rivela il proprio taglio, espressivamente riuscito e felice, di didascalia essenziale della presunta rappresentazione, facendosi preziosa indicazione scenica per suggerire abiti e contegno dei singoli figuranti, contesti e pretesti, scene corali stilizzate di un delirio in divenire. Tutto infatti sembra avvenire fuori dalla scena stessa (l'osceno, appunto, come da tradizione tragica), nelle profondità della terra, negli abissi da cui emergono alla vista, sporadicamente e senza ordine alcuno, personaggi, archetipi, forme e animali servendosi di passaggi, di buchi, di pertugi. La seconda parte ha qualche elemento di lirismo in più. Le immagini si fanno cupe, crudeli, feroci. Il Mediterraneo si fa gorgo di morte, l'ecatombe è chiara nel bagno di sangue, "Il vortice rosso" che aleggia nei versi, prevalentemente due scarni distici per lo più simmetrici avvolgenti un corpo centrale più corposo e narrativo di quattro ipermetri irregolari. La storia e le presunte conquiste dell'uomo, alla sua civiltà, assumono sembianze grottesche e contorni inquietanti. Ma è ancora realtà d'abisso, goffa e proterva. L'elemento del ghiaccio completa quello del mare (sempre acqua). Poi l'annuncio del fuoco e l'arrivo dei barbari. Nella terza e ultima parte la speranza di un uomo nuovo è troncata sul nascere. I pezzi che emergono dalle rovine dell'incendio, i cocci infranti, testimoniano l'impossibilità di ricucire il tutto in forma autentica. La simbologia del "Cieco nevrotico" è limpida: troppe valigette, troppe parole inutili e inutili onori nei salotti da schermo televisivo, troppi miti rocchettari a obnubilare le menti. Solo ossa da rosicchiare come ultima illusione del pasto.